Rifare l’Italia

Il titolo del convegno dei socialisti italiani di sabato 13 dicembre – Rifare l’Italia – è assai evocativo. E altrettanto suggestivi sono i titoli dei vari momenti nei quali esso si articolerà. Per non dire che le cronache degli ultimi giorni rendono ancora più vivo e attuale l’invito.
Non compaiono gli “ismi”, abusati e inflazionati. Non ricorrono espressioni stantie. E la premessa è chiara: negli ultimi vent’anni non è nata alcuna cultura politica nuova. Vi è dunque un deficit, al cui cospetto l’incontro prova a rispondere esprimendo delle istanze, non degli slogan. E dunque si tratta di un’iniziativa per certi versi “senza memoria e senza desiderio”, come, secondo alcuni, dovrebbe tendere a essere lo psicoanalista? Tutt’altro: il titolo a suo modo richiama un’atmosfera risorgimentale. Non si fa, dunque, tabula rasa. Anzi: il passato, il presente e il futuro vanno presi sul serio, non come pretesti. Ѐ la situazione a richiederlo. Ed è l’unico modo per provare davvero a parlarsi e a parlare.
La passione per il futuro, poi, è nello spirito stesso di un convegno come questo. Del resto più volte i socialisti hanno dimostrato che non necessariamente l’esigenza della “governabilità” mortifica lo slancio verso il domani. E per guardare avanti occorre talora recuperare pezzi di sé che si erano smarriti o erano stati sacrificati.

By | 2015-01-23T21:35:04+00:00 dicembre 9th, 2014|I più letti, Interventi|1 Commento

About the Author:

Un commento

  1. gianfranco dicembre 11, 2014 al 10:34 am - Rispondi

    Impossibilitato a partecipare, vorrei comunque provare a dare il mio contributo.
    siamo arrivati al 2015 e la situazione italiana peggiora di anno in anno senza che nessuna forza politica, se ancora si possono chiamare così non lo sò, sanno o vogliono trovare una soluzione.
    Scrivevo nel 2008 che per un cambiamento vero, per nuove riforme, bisognava passare il testimone alle nuove generazioni.
    Perché soltanto con idee nuove è possibile recuperare il tempo perduto, in quanto, secondo me e non solo, almeno due generazioni non hanno contribuito a creare il loro futuro.
    Soltanto una classe politica nuova, giovane, che sappia coniugare Tecnologia, Talento e Tolleranza, può far correre le idee capaci di creare crescita e sviluppo e soddisfare così i nuovi bisogni della nuova società.
    Se noi vogliamo che il psi continui ad esistere, dobbiamo dare subito una svolta, iniziando a dare ai nostri giovani le redini del Partito. Noi daremo ugualmente, ma il nostro compito sarà quello di mettere a disposizione la nostra esperienza nel consiglio dei saggi.
    Soltanto così riusciremo a essere presenti nella politica nazionale e contribuire alla svolta necessaria, altrimenti il nostro bagaglio di idee, che ancora resiste andrà disperso i brevissimo tempo, on nostro grande rammarico.

Scrivi un commento