Il lascito di Luciano Cafagna

 Il lascito di Luciano Cafagna

Sinistra italiana e cultura di governo

 Luciano Cafagna si è spento il 5 febbraio 2012. Un anno dopo ricordarlo è non solo doveroso, ma può essere utile: mentre per la sinistra italiana si profila una nuova impegnativa prova di governo, infatti, è di grande attualità   tornare sulle sue riflessioni a proposito del primo centro-sinistra, della crisi della prima Repubblica, dell’incerto avvio della seconda, e soprattutto del costante conflitto fra riformismo e populismo che fin dagli anni ’60 ha condizionato il governo del paese.

Mondoperaio, la rivista alla quale Cafagna ha collaborato per cinquant’anni, ha raccolto in un quaderno le riflessioni sul suo lascito intellettuale pubblicate nell’anno trascorso, insieme con gli atti della giornata di studio a lui dedicata che si è tenuta il 20 aprile 2012 presso l’Istituto dell’Enciclopedia italiana alla presenza del Capo dello Stato.

Il quaderno, oltre ad alcuni scritti di Cafagna e al ricordo di Giorgio Napolitano, contiene interventi di Giuliano Amato, Alberto Benzoni, Giancarlo Bosetti, Luigi Capogrossi, Luigi Covatta, Paolo Franchi, Antonio Funiciello, Ernesto Galli della Loggia, Emanuele Macaluso, Enrico Morando, Gianfranco Pasquino, Claudio Petruccioli, Cesare Pinelli, Paolo Pombeni, Giorgio Ruffolo e Michele Salvati.

Verrà presentato

18 febbraio 2013, ore 10 – Fondazione Basso – via della Dogana Vecchia, 5 – Roma

in un seminario promosso da Mondoperaio insieme con la rivista Reset, l’associazione Libertà eguale e la Fondazione Socialismo.

Interverranno Gennaro Acquaviva, Giuliano Amato, Giancarlo Bosetti, Luigi Covatta, Emanuele Macaluso, Enrico Morando.

Ascolta l’audio : http://www.radioradicale.it/scheda/373084

 

By | 2016-05-02T12:12:14+00:00 febbraio 11th, 2013|Archivio Multimediale, Video Presentazione Libri|1 Commento

About the Author:

Un commento

  1. silvio minardi febbraio 15, 2013 al 6:20 pm - Rispondi

    La costante del pensiero del socialismo italiano è stata la ricerca di guardare al nuovo, Cafagna in tale contesto, è stato un protagonista.

Scrivi un commento