About Nicola Savino

Questo autore non ha riempito alcun dettaglio.
So far Nicola Savino has created 5 blog entries.

Concilianda Res Publica?

By | gennaio 9th, 2017|I più letti|

Per il sistema elettorale è possibile conciliare soluzioni alternative? Disponendo di due Camere, si può quanto meno tentare. Sul versante delle candidature, due modalità: per ciascun partito o l’uninominale (una sola candidatura in collegio piccolo), o la lista plurinominale in collegio più grande.  Di fatto quattro soluzioni, dal momento che ciascuna delle due deve utilizzare, [...]

Se il virtuale non è virtuoso

By | gennaio 18th, 2016|I più letti, Interventi|

Virtuale non è sinonimo di virtuoso. Lo dimostrano i vari flop dei 5 stelle laddove governano, come nel caso di Quarto. Per governare nella legalità non basta sbandierarla  ed iscriversi (partecipare) attraverso la rete. Questa può essere utile per aderire e discutere, ma non basta per la formazione e la scelta di rappresentanti che siano [...]

Lampedusa e il resto d’Italia

By | ottobre 7th, 2013|I più letti|

Già nel giugno del 2010 e del 2011 su Mondoperaio ho avanzato proposte per l’accoglienza e l’integrazione di rifugiati e immigrati con riferimento ad aree interne meridionali dotate di larga disponibilità di alloggi vuoti ed a grave rischio di spopolamento. Esempio tipico la Basilicata, dove gli alloggi furono ristrutturati con i fondi dei vari terremoti, [...]

Il martirio di Berlusconi

By | settembre 13th, 2013|I più letti|

 La politica è passione personale ed intelligenza al servizio dell’interesse generale, che però  non sempre vanno d’accordo. Specialmente se si estremizzano, l’una in  scontro muscolare e l’altra in astratta “coerenza” – o adesione non storicizzata - del tipo “qui si fa l’Italia o si muore”. Questa estremizzazione - che quando coinvolge l’opinione pubblica diventa spaccatura [...]

Caffè d’orzo

By | agosto 4th, 2013|I più letti|

Le primarie sono come il caffè d’orzo: non ti sveglia! Un surrogato della regolamentazione dei partiti che illude i cittadini di partecipare e di contare: fessi e contenti, strumentalizzati per la “resa dei conti” tra gruppi cristallizzati. Tant’è che anche partiti non partiti, cioè padronali, spesso dicono di volerle, anche se poi nemmeno le fanno. [...]