About Giampiero Buonomo

Lavora al Senato della Repubblica dal 1987 come consigliere parlamentare. Ha pubblicato su Nuova Rassegna di legislazione, Dottrina e giurisprudenza, Diritto e giustizia, Instrumenta, Gazzetta giuridica Giuffré-ItaliaOggi, Questione giustizia, Mondoperaio, Quaderni costituzionali, Studi parlamentari e di politica costituzionale, Filangieri e Historia constitucional.

Le multe di Di Maio

By | 2016-03-31T11:14:17+00:00 febbraio 9th, 2016|I più letti|

Può essere effettivamente vero che siamo al crepuscolo della democrazia rappresentativa "come l'abbiamo conosciuta": fermo restando il divieto di mandato imperativo di cui all'articolo 67 della Costituzione (e di cui alla caterva di impegni internazionali ed europei, citati nell'interrogazione n. 4-01959 del senatore Buemi), è pur sempre argomentabile che il "nocciolo duro" di tale divieto [...]

 1

Decreto Severino: c’è un giudice a Strasburgo

By | 2016-03-15T10:34:38+00:00 ottobre 21st, 2015|I più letti|

Riportare la normativa limitativa delle cariche elettive a prima del decreto Martelli del 1990 non è possibile: la sentenza della Corte costituzionale sul ricorso De Magistris boccia il passatismo giuridico, e chi apparteneva al partito che espresse quel ministro della Giustizia – che si avvaleva nel suo dicastero di Giovanni Falcone – non può che [...]

 0

Tovaglie pulite

By | 2015-10-23T12:22:03+00:00 ottobre 9th, 2015|I più letti, Interventi|

Da una disamina delle autorizzazioni a procedere del primo cinquantennio repubblicano, condotta sui materiali d'archivio, emerge la conferma di un'antica intuizione dell'elaborazione penalistica: la chiave per comprendere gli eventi che portano al processo non è tanto il fatto di reato (e neppure soltanto il dolo o la colpa), quanto la coscienza dell'offensività del fatto. Il [...]

 3

Legge elettorale: L’Italicum e la Corte

By | 2015-07-28T09:53:33+00:00 giugno 17th, 2015|I più letti, Interventi|

La sentenza della Corte costituzionale n. 110 del 2015 getta le basi per una pronuncia sulla nuova legge elettorale per la Camera (n. 52/2015), secondo il modello esperito per la prima volta con successo da Felice Besostri nei confronti del Porcellum. Nel momento in cui la Corte ha dichiarato inammissibile l'azione di accertamento promossa contro [...]

 1

L’antipolitica ha un argomento in meno

By | 2016-03-15T10:40:13+00:00 gennaio 23rd, 2015|I più letti|

La regressione dalla lotta di classe all'invidia di classe - che da un po’ di tempo è il surrogato delle malattie infantili denunciate da Lenin nella sinistra europea - ha da ieri un argomento in meno: grazie a Davide Giacalone abbiamo appreso che la legge sul divieto di cumulo tra retribuzioni e pensioni dei giudici [...]

 1

La rivendicazione di Gallo

By | 2015-01-20T11:18:59+00:00 gennaio 8th, 2015|I più letti, Interventi|

A proposito del “decretosalvasilvio”, la rivendicazione di Franco Gallo sul Corriere della sera di ieri (“se me l’avessero chiesto, avrei saputo scriverla meglio”) merita, ancor prima del plauso per la sottile ironia, un commento su una cronaca che ci parla sempre meno dei fatti e sempre più di chi li riporta. Il cosiddetto giornalismo d’inchiesta, [...]

 0

La responsabilità civile dei magistrati

By | 2016-03-15T10:37:36+00:00 giugno 14th, 2014|I più letti|

La vulgata secondo cui l'approvazione dell'emendamento Pini configura una vendetta della politica (e di una politica trasversale) verso la magistratura, per le inchieste che quest'ultima sta conducendo contro il malaffare corruttivo, è di suggestiva semplicità; come tutte le cose semplici, rischia di degradare nel semplicismo. Gli è che ad officiare un rito ad edificazione dei [...]

 0

La legge sulle lobbies

By | 2014-06-03T12:52:26+00:00 maggio 22nd, 2014|I più letti, Interventi|

Secondo l'agenzia Public policy, un disegno di legge sulle lobbies - all'ordine del giorno del Consiglio dei ministri circa dieci mesi fa - è stato rinviato sine die in ragione del fatto che il cuore stesso del lobbismo, il Parlamento nazionale, non potrebbe soffrire una regolamentazione diversa da quella derivante dagli organi interni delle Camere [...]

 0

Governo e revisione costituzionale

By | 2014-05-13T10:57:35+00:00 maggio 6th, 2014|I più letti, Interventi|

Il caso del disegno di legge costituzionale o di revisione della Costituzione è riconducibile ad un indirizzo politico più ampio di quello espresso dalla maggioranza di governo. Non è possibile invocare l'indirizzo politico di governo per la definizione delle regole istituzionali, che invece rispondono ad una diversa e più ampia concezione di indirizzo politico "costituzionale". [...]

 2